Le conseguenze psicologiche del Coronavirus

LE CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DEL CORONAVIRUS: l’importanza di occuparsi della salute psichica

Le organizzazioni governative e della salute, ormai da mesi, ci informano costantemente sulle misure preventive e contenitive da attuare contro l’avanzamento del COVID-19.

Ciò su cui non ci si è forse soffermati abbastanza sono le conseguenze psicologiche che questo costante stato di allarme può avere avuto o avere sulle persone.

 

Sensazioni di paura, insicurezza e solitudine sono comuni e possono affliggere la condizione psicofisica dell’individuo o aggravare situazioni già esistenti.

Oltre alla paura del contagio, le persone possono aver provato:

impotenza, preoccupazione, ansia, angoscia, senso costante di incertezza, perdita di speranza, sfiducia, rassegnazione, tristezza, depressione, pensieri paranoici.

 

Quello che viviamo è un TRAUMA CONDIVISO che costringe a fare i conti con
l’incertezza, l’angoscia, il terrore, l’assenza di controllo, il senso di finitezza e di morte, la disperazione, la distanza e il vuoto.

Il post quarantena sembra aver provocato uno stato “depressivo” comune e generalizzato, che ha costretto ognuno di noi a rimettere in discussione progetti e rivedere il domani, spesso in una visione più negativa del futuro.

Le certezze sono crollate e alcune progettualità sono state riviste e, spesso, posticipate o addirittura bloccate.

 

Alla luce di questi fattori, è difficile avere pensieri positivi e la sensazione è di dover “vivere alla giornata” in uno stato di confusione e instabilità.

 

 

In queste condizioni, le emozioni possono assalirci, tanto da non consentire di pensare lucidamente e quindi, di trovare vie d’uscita.

Lo psicologo può aiutare a CAPIRE queste emozioni, ELABORARLE, AFFRONTARLE e trovare SOLUZIONI più adeguate.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Enrique

    Grazie del tuo buon senso e della tua accuratezza. Fa bene sapere che ci sono professionisti come te.

Lascia un commento